Ultima modifica: 26 settembre 2018
Home > Intercultura

Intercultura

mani intercultura«… Non ci sono modelli standard né indicazioni da prontuario, ma ci sono possibili passi sensati e utili da compiere affinché risulti visibile la dimensione sociale dell’insegnamento come garanzia per la tutela dei diritti di tutti …. Non si tratta di cancellare la diversità di chi arriva da altrove, si tratta piuttosto di trovare il senso al suo essere lì, in quel contesto classe, con quel gruppo di compagni, in quel certo anno scolastico, in quella scuola, situata in quel particolare territorio.
Ogni allievo si porta dietro la sua propria singolarità, con la quale l’insegnante deve negoziare provando a calarsi un po’ dentro la sua vita. Non necessariamente… gli allievi stranieri neoarrivati hanno bisogni particolari di assistenza e cura. Di sicuro, però, hanno sempre la necessità di essere accolti e percepiti come soggetti veri, reali, attivi che vogliono essere riconosciuti …»

(Mariangela Giusti, L’educazione Interculturale nella scuola di base)


Documentazione

 

Rete intercultura Paderno Dugnano

 




Return to Top ▲Return to Top ▲

Autorizzazione all’uso dei cookie
La legislazione europea in materia di privacy e protezione dei dati personali richiede il tuo consenso per l'uso dei cookie.
Acconsenti? Per ulteriori informazioni visualizza la Cookie Policy. NO, non accetto

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi